Domenica delle Palme - Paolo Puliti organista

Vai ai contenuti

Dove c'è musica di devozione, Dio è sempre a portata di mano con la sua presenza gentile  (J. S. Bach)

I contenuti di questa pagina sono stati scritti appositamente per me dal carissimo e indimenticabile amico
Gualtiero Sollazzi che è tornato al Padre 1l 18 luglio 2018

Domenica delle Palme


E' ricca di fascino spirituale.
"O domenica delle Palme, non sapevo, dirà il famoso Bossuet, che tu racchiudessi così tanti e grandi misteri".  
E' memoria dell'ingresso di Gesù a Gerusalemme in una festa di palme e di olivi.
Con la folla che lo acclama, con "l'Osanna" che fa da gioiosa colonna sonora, e i mantelli stesi, in segno di grande riverenza al Re mansueto, che entra cavalcando un'asina.
Il colore rosso, usato nella celebrazione liturgica, indica che si  riconosce totalmente la regalità del Signore Gesù, ma che per Lui, inizia, da questo giorno festoso, un percorso di dolore che presto lo porterà a versare tutto il suo sangue, "per noi e per tutti…".

Webmaster: Paolo Puliti Collaborazione: Federica Frediani
Torna ai contenuti