Il Fonte battesimale - Paolo Puliti organista

Vai ai contenuti

Dove c'è musica di devozione, Dio è sempre a portata di mano con la sua presenza gentile  (J. S. Bach)

I contenuti di questa pagina sono stati scritti appositamente per me dal carissimo e indimenticabile amico
Gualtiero Sollazzi che è tornato al Padre 1l 18 luglio 2018

Il Fonte battesimale

Uno dei segni santi che ben conosciamo,
è il Fonte battesimale (o Battistero).
Si trova in tutte le chiese cattedrali e parrocchiali. Nella Veglia pasquale, è parte integrante della solenne liturgia celebrata. Siamo così abituati a vederlo, che non ci si bada più, non ci muove a stupore e gioia ritrovata. Cerchiamo, però, di riscoprire attraverso 'il segno' del Fonte, la grande realtà del nostro battesimo.

Dalla liturgia:  

"Ecco l'acqua che sgorga dal tuo fianco, Cristo Signore, è fonte di salvezza che ci lava dal peccato, e tutti quelli che raggiunge, li rende salvi e diranno per sempre, Alleluia".

"O immensità del tuo amore per noi! O inestimabile segno di bontà: per riscattare lo schiavo, hai sacrificato il Figlio"

Rifletti

Queste espressioni sono riprese dalla Chiesa per dirci la grazia del battesimo. Sono come canti di gioia, che  dicono quanto è 'costata' al Signore la nostra salvezza, che ha il suo inizio nel battesimo.

Il Fonte  

E' qui che  i cristiani rinascono dall'acqua e dallo Spirito Santo.
Deve esprimere, come segno, la dignità del sacramento del battesimo.
Vi deve essere conservato con onore il Cero pasquale perché alla sua fiamma si accendano, nella celebrazione del battesimo, le candele dei nuovi battezzati.

Un possibile impegno:

Guarda al fonte con amore e gratitudine e, se lo ricordi, và a baciarlo nell'anniversario del tuo battesimo, o al termine della Veglia pasquale o nel giorno di Pasqua.

Dal Vangelo  

"Venuti poi da Gesù, e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il costato con la lancia, e subito ne uscì sangue ed acqua"
(Gv.18,33-37)

Sosta un momento, e rifletti su "quell'acqua" uscita dal fianco di Cristo, segno grande del battesimo

Il Fonte ci richiama a pensare che il battesimo:

Ci riveste di Cristo.
Ci dice Paolo: "quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti  di Lui."
Ci dona vita nuova: "per mezzo del battesimo possiamo camminare in una vita nuova"
(Rm.6)
Ci rende un solo corpo: "voi siete corpo di Cristo…"

Il Segno e le Parole

L'acqua è il grande e umile segno del battesimo.
Le parole ce le ha consegnate Gesù:
"Io ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo".

Nella celebrazione del battesimo è centrale la professione della fede.
Il celebrante chiede se crediamo in Dio, nella Chiesa, nella vita del mondo che verrà.
Si risponde: "Credo!"    
Una professione di fede che non riguarda solo quel giorno, ma la vita.


Ricorda, se vuoi
Guarda con "occhi sempre nuovi" il fonte battesimale.
E'un segno stupendo.
Tutte le volte che lo guardi, ti parla, ti ricorda chi eri, che sei e chi sarai.
Dà conforto e speranza, perché ti 'assicura' che "quell'acqua" ti ha aperto il cielo.

O fonte, santo segno, sii benedetto.
Ti guardo: e nell'anima splende la Croce, canta la Resurrezione, mi viene promessa la Gloria.

Webmaster: Paolo Puliti Collaborazione: Federica Frediani
Torna ai contenuti